Torna alla panoramica

Zinfandel - una varietà sottovalutata

Lo Zinfandel - noto in Italia come Primitivo - una delle specie più diffuse negli Stati Uniti. La sua origine è presumibilmente in Croazia, ma i vini più noti provengono dalla Puglia e dalla California.

In America è coltivato dal 1850, in Puglia il primo vino imbottigliato a base di Zinfandel risale al 1900 circa. Questo vitigno, amichevolmente chiamato «Zin» negli Stati Uniti, ha un rendimento molto elevato e inizialmente è stato quindi coltivato per ottenere vini di massa e a basso costo. È stato usato per produrre rossi, rosati, secchi, dolci e liquorosi. Il migliore uso della varietà sono però i vini rossi secchi e fermi. Sono vini dalla colorazione intensa, con aromi speziati di cannella e chiodi di garofano e more. I vini delle migliori annate Zinfandel possono maturare a lungo e si prestano bene a un passaggio in botti di rovere nuove. Anche se la qualità dello Zin oggi è molto alta, i prezzi sono comunque rimasti bassi.

Il suo enoesperto Jan Schwarzenbach