Torna alla panoramica

Un «fungo» molto particolare: Il tappo dello Champagne

A differenza della maggior parte degli altri sugheri naturali, il tappo dello Champagne è composto da due parti. La parte superiore è composta, per motivi di risparmio, da sughero pressato, cui sono incollati, nella parte inferiore, due fette di sughero naturale pregiato.

Il vino è in contatto con il sughero naturale, che protegge da perdite di anidride carbonico. La forma originale di questo tappo è cilindrica, mentre la forma a fungo si crea dal fatto che il tappo non viene spinto completamente nella bottiglia e la parte superiore è bloccata da una cosidetta «agraffe». Al momento in cui la bottiglia viene aperta, la parte inferiore del tappo recupera la dimensione larga originale, mentre il sughero pressato crea il tradizionale restringimento. Nella parte inferiore del tappo figura la scritta Champagne e a volte l’annata.

Il suo enoesperto Jan Schwarzenbach