Torna alla panoramica

In che modo il contenitore nel quale un vino fermenta ne influenza il sapore?

La fermentazione del vino può avvenire all'interno dei contenitori più svariati: dalle autoclavi d'acciaio, alle anfore d'argilla o alle piccole botti in legno.

Le autoclavi d'acciaio hanno il vantaggio di poter essere raffreddate e sono facili da pulire. Dal momento che una bassa temperatura di fermentazione produce vini aromatici e fruttati, la maggior parte dei bianchi e tanti rossi da bere giovani fermentano in autoclavi d'acciaio. Le anfore d'argilla sono un contenitore tradizionale tornato ultimamente molto in voga. I viticoltori biodinamici le utilizzano spesso e sostengono che conferiscano ai vini un sapore migliore. All'interno delle piccole botti in legno, invece, il vino si arricchisce di aromi speziati e tostati. I vini bianchi possono essere fermentati in botte, mentre i rossi sono solitamente fermentati in autoclavi e solo successivamente affinati in botti di legno.

Il suo enoesperto Jan Schwarzenbach