Torna alla panoramica

Il mondo degli aromi del vino

Interesse e allenamento – questi i requisiti necessari per riconoscere meglio gli aromi nel vino. È facilissimo, perché per arricchire la propria "biblioteca degli aromi" e allenare le capacità sensoriali basta attenersi a un paio di trucchi e consigli.

Il vino offre un'ampia varietà di aromi. Chi beve vino, quindi, fa la conoscenza delle svariate note gustative e olfattive. Ma sa anche esprimere queste percezioni a parole? La nostra ruota degli aromi può servire come valido aiuto. Gli aromi individuati nel vino possono permettere di dedurne la provenienza, la varietà di uve utilizzata e il metodo di produzione. Non tutti gli aromi sono positivi; ad esempio, con l'aggettivo "chimico" si intendono caratteristiche negative, ad eccezione della nota di petrolio che nei Riesling acquisisce pregio.

Foto: Mikael Mölstad

Download PDF

Istruzioni

Iniziate dal centro e guardate quali di questi aromi vi sono noti. Ora, muovendovi verso l'esterno passate in rassegna ogni singola nota olfattiva e gustativa. Se ad esempio avete riconosciuto una nota floreale in un vino, annusando una seconda volta potreste già individuare il profumo di violetta e indovinare che si tratta di un Pinot Noir. Se ora sapete che spesso il Pinot Noir profuma anche di lampone e individuate nel vino anche questa nota, la probabilità che si tratti di un Pinot Noir è molto alta.

Testo: List Medien AG / Belinda Stublia