Wine trend 2017: la sete di novità

Il mondo del vino non è mai stato così in fermento. E il nostro ruolo è una via di mezzo tra un oracolo e un trend setter. Vi presentiamo le uve più in voga, le regioni di grido e i «must drink» del 2017!

Tesori svizzeri
La Svizzera è uno scrigno ricco di vitigni antichissimi, alcuni dei quali crescono solo qui: un esempio è il Petite Arvine con la sua salinità unica. Oppure il Completer, un bianco grigionese dalla viva acidità.  In Ticino invece, nonostante la predominanza del Merlot,  è riuscito a sopravvivere il Bendola. E questi vini unici hanno iniziato a fare furore anche oltreconfine.

I bianchi provenienti dalle regioni votate al rosso
Cambiamo colore! I vini bianchi portoghesi della Valle del Douro e i bianchi dell’Italia meridionale come il Greco di Tufo e il Fiano di Avellino sono di gran moda. Anche in terra di  Bordeaux vale la pena dimenticarsi per un attimo dei vini rossi.

We love nature
Da prodotti di nicchia a main stream: I vini di coltura biodinamica, senza aggiunta di zuccheri o solfiti guadagnano sempre più terreno e qualità nel panorama enologico. Il futuro è green.

Riflettori puntati sulla Loira!
Quest’anno le appellazioni della Loira a lungo dimenticate come Anjou, Montlouis e Vouvray faranno il loro grande ritorno. La star indiscussa sarà il Chenin Blanc.. Un vero e proprio camaleonte, secco, dolce, frizzante e davvero convincente.

Champagne, fatti più in là!
La concorrenza arriva anche per le bollicine di lusso. Prosecco premium, Franciacorta lombardo, Cava spagnolo e sparkling wine inglesi, il mondo è pieno di frizzanti novità.

La nuova leggerezza
I grandi nomi del vino sono sempre molto apprezzati. Tuttavia anche i rossi  più leggeri si fanno largo nell’Olimpo vinicolo. L’esempio migliore è indubbiamente il Gamay: un vino al pari del Dôle svizzero o del Beaujolais francese. Ma ha una marcia in più, in cucina si abbina splendidamente.

Mix it up!
Basta falsi timori! Basta devota riverenza! I drink a base di vino sono di moda e anche molto buoni. In una calda serata d’estate non c’è niente di meglio di uno spritz, di un hugo oppure di una sangria in versione moderna per rinfrescarsi.

Craft Bier
Ebbene sì, anche questo è un trend vinicolo. Una moda che talvolta vede sostituire il vino con birra di alta qualità. Lo fanno anche i ristoranti più in voga.

Uve e regioni sconosciute
I vini conosciuti globalmente sono ormai superati. Le preferenze oggi vanno piuttosto ai piccoli produttori, alle etichette nascoste e autentiche. Nel mondo si coltivano oltre 1300 vitigni e i viticoltori dei cinque continenti danno alle loro creazioni uno stile talmente personale da renderle uniche come le impronte digitali. Scopriteli tutti!

Testo: Britta Wiegelmann, febbraio 2017

 

Vai all’assortimento