Torna al profilo

Syrah o Shiraz? È lo stile a decidere

Il Syrah è indubbiamente uno dei rossi più importanti. La varietà è originaria della valle media del Rodano in Francia e non dei dintorni di Shiraz nell'odierno Iran, come si è a lungo pensato.

Vero è che quest'uva prende il nome Shiraz nei paesi del Nuovo Mondo come Australia, USA o Sud Africa. Syrah e Shiraz, due nomi per la stessa uva, capace di dare grandi vini utilizzando due stili enologici completamente diversi.

Iniziamo con la Francia patria di questo vitigno e suo maggior produttore con ben 70'000 ettari di superfici vitate; i suoi Syrah si distinguono per lo stile speziato, elegante e di grande stoffa. Il nome della varietà non compare sulle etichette, poiché questo nettare pregiato viene commercializzato mediante le indicazioni di provenienza e proposto sul mercato ad esempio come Hermitage o Côte-Rôtie, per citare le principali denominazioni della valle del Rodano. Per donare al prodotto finale maggiore freschezza ed eleganza è assolutamente ammesso aggiungere piccole percentuali di vino bianco e spesso si opta per il Viognier. Unica eccezione in tal senso è rappresentata dalla denominazione Cornas, dove questa pratica è vietata. I vini del Nuovo Mondo presentano caratteristiche totalmente differenti: con Shiraz si intende un vino fruttato, tannico, concentrato e accessibile che può essere bevuto sin da giovane perché caratterizzato da tannini più morbidi rispetto agli esempi europei.  Le due tipologie di Syrah sono accomunate da una qualità ineccepibile e da un notevole potenziale di invecchiamento.

Grazie alla sua versatilità e alla capacità di adattamento lo Syrah viene coltivato in numerose zone vitivinicole. In Europa è presente in Italia, Spagna e in Svizzera oltre naturalmente alla Francia. Il Vallese vanta cru eleganti, carnosi e di grande stoffa che non temono il confronto con la concorrenza. Nel Nuovo Mondo è l'Australia a farla da padrone e a produrre tra gli altri due, tre richiestissimi vini cult: Grange di Penfolds, Hill of Grace di Henschke e Astralis di Clarendon Hills. Questo vitigno trova condizioni ottimali anche in Sud Africa, California e Cile rendendo così l'offerta sul mercato estremamente ampia. Oltre ai costosi vini cult dal Vecchio e Nuovo Mondo, lo Syrah è proposto in ogni classe di prezzo.

 

Peter Keller, ottobre 2016