Torna al profilo

Riesling

«Il Riesling ha un enorme potenziale». Juliane Eller dell’Assia Renana è una delle giovani viticoltrici più talentuose e promettenti della Germania.

La ventisettenne stella del vino ci rivela la sua filosofia e spiega perché secondo lei i social media hanno un ruolo importante.

Domanda: Juliane Eller, cosa l’affascina del suo lavoro?

Mi piace perché cambia sempre, non c’è mai un giorno uguale agli altri. Inoltre, mi permette di lavorare a stretto contatto con la natura per offrire ai consumatori un prodotto realizzato artigianalmente. L’importante è ricordarsi sempre che ogni anno porta con sé una nuova sfida.

Ha sempre voluto diventare viticoltrice?

«No, assolutamente no. Volevo studiare sport. La viticoltura non era il lavoro dei miei sogni. L’idea e la voglia di imparare il mestiere mi sono venute solo in seguito a uno stage. Ho avuto il vantaggio di poter prendere in gestione la tenuta dei miei genitori, che peraltro ho rivoluzionato completamente Oggi non utilizziamo più i macchinari, il lavoro viene fatto tutto a mano.

Ha trasformato anche l’intero assortimento di prodotti. Come definirebbe lo stile dei suoi vini?

Il mio motto recita: «meno è meglio». Voglio realizzare vini eleganti, raffinati e minerali, in grado di esprimere al meglio il loro territorio d’origine. Riduco al minimo gli interventi in cantina, mi limito, per così dire, a mettere i vini sulla giusta strada. Gli additivi sono banditi, come anche le pompe. Utilizziamo sistemi di vinificazione a caduta.

Immagino che il rivoluzionamento abbia fatto scappare tanti clienti.

Proprio così. Ho iniziato da zero. Con il cambiamento radicale della gestione, i prezzi dei vini hanno subito un rincaro, che i vecchi clienti non hanno gradito. Per questo mi sono rivolta a nuovi segmenti di mercato concentrandomi su un pubblico più giovane.

Come in molte altre aziende tedesche, anche nella sua il Riesling ricopre una posizione di rilievo. A cosa si deve tanto successo?

Il Riesling ha un enorme potenziale, soprattutto da noi nell’Assia Renana. Abbiamo una grande varietà di terreni e il clima non è troppo caldo. Con vitigni importanti come questo si possono realizzare varietà di vino diversi tra loro. Inoltre, il Riesling risponde molto bene all’invecchiamento, esprimendo grande complessità e finezza anche dopo diversi anni. Si tratta di un vitigno da cui si può ottenere molto, se lo si fa nel modo giusto.

Con lo pseudonimo «III Freunde» (tre amici) collabora insieme all’attore Matthias Schweighöfer e al performer Joko Winterschmidt . Come mai?

Cerchiamo di avvicinare ai vini tedeschi un pubblico giovane con bottiglie accessibili a tutti e di qualità. Chi può riuscirci meglio di questi due celebri uomini di spettacolo? Per di più i prezzi dei nostri vini, un Pinot Grigio e un rosé, devono mantenersi a livelli accessibili.

Lei è giovane e i social medi come Facebook e Instagram sono il suo pane quotidiano. A quale scopo li utilizza?

Per me sono canali molto importanti, che mi hanno permesso di trovare tutti i mercati di esportazione risvegliando l’interesse degli importatori per i miei prodotti. Sono nuove vie che ci permettono una comunicazione a più ampio raggio.

E cosa mi dice della Svizzera?

Per me è un mercato molto interessante. Ancora non mi sono fatta veramente un nome. Ma grazie al suo impegno giornalistico molti svizzeri si sono accorti di me e io ne sono molto felice.

Intervista: Peter Keller

Rheinhessen Edition Peter Keller Riesling Juwel Weine 2017


Top-Riesling aus Rheinhessen
enoesperto Peter Keller
Valutazione di esperti

Vai al prodotto
CHF 22.50
75cl (10CL = 3.00)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
al carrello Aggiungi le bottiglie
6

disponibilità