Torna al profilo

Italia

Semplificando, i vini si dividono in due tipologie: quelli caratterizzati da toni fruttati e quelli dai tratti più speziati, minerali e animali. All'interno di queste due categorie occorre distinguere, inoltre, in che modo si sviluppa il bouquet e quanto tannino è presente. Per esempio, i pregiati nettari ottenuti dai vitigni di Cabernet Sauvignon o nella regione spagnola del Priorat presentano aromi di bacche nere e un alto contenuto di tannini. La regione vitivinicola francese di Cahors e il vitigno dell'Italia meridionale Aglianico, al contrario, producono vini dalle note fruttate meno marcate, molto tannici e caratterizzati da aromi di fumo, tabacco e cuoio. I vini della Valpolicella sono invece rotondi e morbidi, con sentori di bacche nere, ma risultano piuttosto pesanti.

 

La pesantezza di un vino è determinata dalla sua struttura tannica e dal tenore alcolico. Nel caso del Valpolicella o, ancora meglio, dell'Amarone, tale valore equivale o addirittura supera spesso il 14,5%, mentre i tannini sono ben integrati e dolci. Questa tipologia è molto apprezzata dai consumatori, perché i vini risultano rotondi e piacevoli da bere. Simili sono i tratti che caratterizzano i nettari ottenuti dal vitigno Primitivo, che presentano il più delle volte un contenuto di zucchero residuo piuttosto elevato. Tali vini risultano pesanti, robusti e molto opulenti, con un livello di acidità particolarmente basso.

 

Spesso non si va oltre il secondo bicchiere: sebbene invitanti in un primo momento, in poco tempo questi vini diventano infatti stucchevoli. Più piacevoli da bere sono invece i nettari più freschi e acidi, che risultano più snelli. La finezza e l'eleganza che li distinguono potrebbero rendere il primo assaggio più ostico, ma a partire dal secondo sorso rivelano una complessità straordinaria. I vini di questo tipo, con il loro carattere "tranquillo", avrebbero difficoltà ad imporsi sui loro rivali più "vivaci" in occasione di una degustazione alla cieca. A volte, però, è possibile scendere a compromessi: il Valpolicella Camporenzo 2014 dell'azienda Monte Dall'Ora, nostro vino del mese di ottobre, è infatti un nettare corposo e di carattere, che si distingue però per la sua eleganza di ispirazione borgognona.