Torna al profilo

Intervista Schwarzenbach Weinbau

Il 34enne Alain Schwarzenbach e la sua compagna 32enne Marilen Muff conducono l’azienda familiare Schwarzenbach Weinbau a Meilen in quinta generazione. Una coppia affiatata che oggi ci spiega come intende gestire la tenuta di successo sul Lago di Zurigo e su quali aspetti intende concentrarsi.

«Vogliamo produrre vini al top che possono permettersi tutti»

Che cosa significa il vino per voi?

Alain: Per me il vino significa tante cose. Ma è soprattutto una passione. Altrimenti non potrei svolgere questo lavoro avvincente. A me e Marilen piace inoltre trascorrere le vacanze in regioni vinicole e visitare diverse tenute.

Marilen: Il vino è un piacere al quale non sappiamo rinunciare durante i pasti. Inoltre Alain e io amiamo cucinare.

 

Di recente, il testimone dell’azienda è passato ai giovani. Come viene ripartito il lavoro?

Alain: In linea di principio, lavoriamo entrambi in tutti i settori. Io mi occupo però in prima linea dei vigneti e delle cantine, mentre Marilen gestisce le vendite e il marketing.

 

Siete sempre d’accordo su tutto?

Marilen: No, ma l’obiettivo che perseguiamo è sempre quello di trarre il meglio dal vigneto e dalla cantina. Le decisioni importanti le prendiamo insieme, a volte dopo lunghe discussioni.

 

Alain Schwerzenbach, che cosa intende cambiare in futuro?

Alain: L’immagine dei vini zurighesi è nettamente migliorata negli ultimi anni. Vogliamo ottimizzare ulteriormente la qualità dei nostri prodotti. Inoltre il nostro assortimento al momento è un po’ dispersivo, andrebbe snellito. Il Cabernet Sauvignon a maturazione tardiva, ad esempio, non lo imbottiglieremo più in purezza, ma lo utilizzeremo solo per un assemblaggio.

 

Lo stile dei vini cambierà?

Alain: In futuro, i vini rossi dovranno diventare un po’ più vigorosi. Dobbiamo adattarci ai cambiamenti nelle abitudini di consumo. I bianchi dovranno essere frizzanti, leggeri, freschi e accessibili. L’importante per noi è curare uno stile di vini che ci piaccia in prima persona. E non da ultimo, vogliamo produrre vini al top che possono permettersi tutti.

 

Marilen Muff, lei è entrata a far parte di un’azienda rinomata. Qual è il suo apporto?

Marilen: L’azienda è cresciuta continuamente negli ultimi anni. La struttura, per contro è rimasta immutata. Occorreranno alcune modifiche e una migliore pianificazione. Le visite e la consulenza nella gastronomia diventano sempre più importanti; le vendite ai ristoranti costituiscono già il 45 percento dell’intera produzione. Inoltre vogliamo rivolgerci maggiormente a un pubblico più giovane, senza però trascurare i nostri clienti di lunga data.

 

Siete entrambi ancora giovani e fate parte del gruppo «Junge Schweizneue Winzer» (Giovane Svizzera, nuovi viticoltori). Che apporto ricevete da questa associazione?

Alain: È nata da un gruppo di degustazione. Il nostro intento era quello di scambiarci esperienze e opinioni. Oggi ci siamo affermati e ci presentiamo con una voce sola rivolgendoci così a nuovi consumatori. Attualmente la Svizzera romanda è sottorappresentata nel gruppo. Occorre porvi rimedio. «Junge Schweiz – neue Winzer» intende essere un’organizzazione a livello nazionale.

 

Intervista: Peter Keller

Stellenbosch WO Lady May Signaturwein Peter Keller Glenelly 2010

Il Lady May, un assemblaggio di uve del Bordeaux, è il vino di punta della tenuta Glenelly. L'annata 2010 è composta per il 90% da Cabernet Sauvignon e per il 10% da Petit Verdot. Fermentato in tini d'acciaio con lieviti selvaggi, matura per due anni in barrique francesi nuove. Leggermente chia … Vai al prodotto
CHF 39.50
75cl (10CL = 5.27)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
al carrello Aggiungi le bottiglie
6

disponibilità