Torna alla panoramica

Argiolas

Da metà del XX secolo la cantina di Serdiana, situata nel cuore della Sardegna, è considerata la pioniera di un nuovo stile nella viticoltura sarda.

Franco e Giuseppe Argiolas gestiscono la tenuta dalla morte del fondatore Antonio, avvenuta nel 2009, dedicandosi quasi totalmente ai vitigni autoctoni della Sardegna: primi fra tutti il Vermentino bianco e i rossi Carignano, Cannonau o Monica, dai quali si ottiene un'ampia gamma di vini.

La produzione di queste cantine, certamente le più note della Sardegna, comprende oggi oltre 240 ettari e ampie porzioni dell'isola: la Tenuta di Serdiana si estende per circa 20 ettari nel territorio di Sibiola, nel comune di Serdiana, dove si coltivano soprattutto vitigni tradizionali. Nella zona di Parteolla l'azienda gestisce 45 ettari con le varietà più svariate. La Tenuta di Vigne Vecchie, nella località di Selegas, rappresenta il cuore della produzione dei vini bianchi più importanti di Argiolas con i suoi 60 ettari. Lo stesso si può dire per la Tenuta di Sisini (60 ettari, presso Siurgus) dove predomina il Vermentino. La Tenuta Sa Tanca occupa circa 80 ettari nella zona di Selegas e Guamaggiore. Infine c'è la Tenuta di Porto Pino: nel Golfo di Palmas, su una superficie di 15 ettari, si coltiva soprattutto il Carignano, probabilmente il vitigno più pregiato dell'isola. Nel complesso, Franco e Giuseppe puntano molto sull'espressione di ogni vigneto. Nell'Is Solinas ritroviamo pertanto la complessità del Carignano, nel Turriga i toni fruttati e la pienezza del Cannonau e nel Costamolino la freschezza e la mineralità del Vermentino.

Nazione Italia
Regione Sardegna
Website www.argiolas.it

La nostra selezione di: viticoltori & aziende vitivinicole

Dati personali

Siete pregati di effettuare il log in.
Questa funzione è disponibile solo per gli utenti registrati.
Log in Registra Chiudi enoappunti