Torna alla panoramica

Swartland

Lo Swartland (letteralmente "Terra Nera") deve il suo nome al Renosterbos (in italiano "cespuglio di rinoceronte"). La pianta autoctona, oggi a rischio di estinzione, fiorisce tra agosto e settembre e ogni anno dona al paesaggio una caratteristiche tonalità scura.

La regione è nota anche per la calorosa ospitalità dei suoi abitanti. I visitatori dello Swartland sono attratti da lunghe passeggiate ed escursioni. Ma anche gli amanti dell'avventura non rimangono delusi, grazie a un'ampia offerta di attività che includono deltaplano, parapendio, canottaggio, tiro al piattello, equitazione... solo per citarne alcune.

Nonostante le tradizionali coltivazioni di cereali, in primavera / estate la regione si accende del verde carico e brillante tipico dei vigneti.

Nello Swartland si trovano le municipalità di Malmesbury e Riebeekberg, due territori situati vicino alle montagne (Piketberg, Porterville, Riebeekberg e Perdeberg) che si estendono fino alla foce del fiume Berg.

Queste zone sono caratterizzate da un terreno profondo e ricco di falde acquifere, che consente alle viti di affondare le proprie radici in profondità e di crescere rigogliosamente anche senza essere irrigate. I dintorni di Malmesbury si distinguono per gli storici vigneti ad alberello dalla resa piuttosto scarsa che furono piantati in gran parte oltre 30 anni fa.

Precipitazioni

Nella Provincia del Capo Occidentale le precipitazioni ammontano in media tra i 300 e i 500 mm all'anno, con un calo del 35-40% durante il periodo di vegetazione. Nel mese di febbraio si registra una temperatura media di 23,3 °C.

Suolo

Il suolo è composto prevalentemente da scisti di Malmesbury Group (risalenti a 1.000-550 milioni di anni fa), un sedimento più antico della pietra arenaria della Table Mountain delle regioni costiere (400-300 milioni di anni), e ancora più antico dell'ardesia della catena Bokkeveld, situata nel Piccolo Karoo, e da terreni caratterizzati da intrusioni di granito del Capo (antiche di 600-500 milioni di anni). Nei promontori, nelle aree montuose, in prossimità dei fiumi e, più in generale, dove il granito e l'ardesia Malmesbury si sono fusi con la pietra arenaria della Table Mountain, si trovano zone dal suolo profondo e ricco di sostanze nutritive, ideali per la coltivazione dell'uva. I territori più ambiti, tuttavia, rimangono quelli di colore marrone-rossastro, ben strutturati e profondi, che nascono dall'erosione delle intrusioni granitiche a nord di Malmesbury e si estendono lungo tutta la catena montuosa nei pressi di Darling.

La geografia e il clima dello Swartland sono inoltre molto simili a quelli di Piketberg, un distretto confinante a nord il cui terreno è prevalentemente formato da ardesia Malmesbury.

Vitigni

Da qualche tempo la regione produce rinomati vini bianchi e rossi dal carattere insolito, oltre a eccellenti vini fortificati simili al Porto. Tra i vitigni rossi è in aumento la coltivazione di Pinotage (10,7%), Shiraz (13,1%) e Cabernet Sauvignon (9,9%), mentre quelli bianchi vedono l'affermazione di Chardonnay (4,7 %), Chenin Blanc (21%) e Sauvignon Blanc (6,8%).

Superficie viticola / quantità prodotta

12 892 ha, corrispondente a circa il 14% della superficie viticola complessiva del Sudafrica