Torna alla panoramica

Bordolese - Saint-Estèphe

La più settentrionale delle zone vitivinicole dell'Haut-Médoc dona vini particolarmente complessi, che sono influenzati sia dalla vicinanza del fiume che da quella dell'Atlantico.

Geografia

A causa della distanza da Bordeaux, Saint-Estèphe costituisce l'angolo dell'Haut-Médoc conquistato per ultimo dalla viticoltura eccellente. Qui, molti marchi risalgono solo al XIX secolo. Per questo motivo anche qui sono solo cinque le tenute eccellenti classificate, mentre circa 40 non classificate producono vini di caratura altrettanto elevata.     

Terroir

Come a Margaux si mescolano qui colline di ghiaia profonda con suoli di quarzo, argilla e calcare. A differenza di quanto avviene nei comuni più meridionali, qui sono predominanti gli influssi atlantici. Nei vigneti più vicini al fiume, inoltre, la Gironda diventa un fattore equilibrante. 

Vitigni

Grazie alla particolare struttura del territorio, il Merlot costituisce spesso fino al 50% dell'uvaggio, anche se ufficialmente è coltivato solo sul 40% della superficie a vigneto, mentre il 50% è dedicato al Cabernet Sauvignon e, in misura molto minore, a Cabernet Franc e Petit Verdot. 

Stile

Non esiste uno stile unitario a Saint-Estèphe. I vini dei brulli terreni ghiaiosi vicino al fiume sono incisivi e vigorosi come un Pauillac, altri vigneti hanno uno stile più vicino a quello di un Margaux, con vini particolarmente eleganti, vellutati e profumati, mentre il grosso delle aziende non classificate imbottiglia un vino robusto, speziato e dalle spalle larghe.

Grado ottimale di maturità

6-15 anni per i vini e le annate più semplici,
10-30 anni per le annate da invecchiamento e i vini eccellenti.

Cartina geografica

Zone vinicole selezionate

Per saperene di più sulla vostra zona vinicola preferita.

I vini consigliati per la regione: Bordolese - Saint-Estèphe

Dati personali

Siete pregati di effettuare il log in.
Questa funzione è disponibile solo per gli utenti registrati.
Log in Registra Chiudi enoappunti