Torna alla panoramica Seleziona la regione

Australia

Lo sviluppo della viticoltura in Australia ebbe inizio negli anni Novanta del secolo scorso, quando la superficie coltivata a vigneto e la produzione di vino raddoppiarono in sei anni. Da allora, questa tendenza è proseguita grazie alla formazione professionale, alla ricerca e, non ultimo, a un marketing intelligente.

Storia

Nel 1788, una nave con alcune centinaia di detenuti attraccò a Port Jackson, l'odierna Sidney, dove fu fondata la prima colonia europea su terra australiana. Poco dopo si iniziò a dissodare il terreno e anche a piantare le viti. Quasi contemporaneamente alla fondazione di tutte le nuove comunità vennero anche piantate le vigne. Il pioniere della viticoltura australiana è considerato lo scozzese James Busby, che avviò una tenuta nella Hunter Valley nel 1825. Di ritorno da un viaggio in Europa portò con sé innumerevoli talee, fra cui anche lo Syrah che successivamente, con il nome di Shiraz, contribuì alla fama di questo paese come produttore di vini. Successivamente Busby pubblicò libri e documenti sui vitigni e sulle tecniche vitivinicole. Altri precursori e fondatori della viticoltura di qualità in Australia furono il dottor Christopher Penfold, il tedesco Joseph Ernest Seppelt, John Riddoch e Thomas Hardy.

Zone di coltivazione

La viticoltura in Australia si è concentrata nelle zone costiere temperate, soprattutto nel sud e nel sudovest: Australia Occidentale, Australia Meridionale, Victoria e Nuovo Galles del Sud. Anche la Tasmania presenta condizioni favorevoli alla viticoltura, con il suo clima piuttosto fresco.

Geografia & Clima

Questo enorme Paese ha varie zone climatiche. Nel nord e a ovest è molto caldo e secco, e per questo motivo i vigneti dipendono dall'irrigazione artificiale. Nel sud e in Tasmania è fresco.

Vini

Per oltre cento anni in Australia furono prodotti vini dolci, con un'elevata gradazione alcolica, simili al Porto e allo Sherry. Alla fine degli anni Sessanta e all'inizio degli anni Settanta del secolo scorso lo Chardonnay bianco e fruttato, con intense note legnose, rivoluzionò la viticoltura australiana. I migliori vini Riesling sono eleganti e possiedono un carattere singolare. Il Sémillon, con un lieve sentore di limone, viene vinificato con o senza maturazione in botti di rovere. Altre varietà a bacca bianca sono Sauvignon Blanc, Chenin Blanc, Colombard, Gewürztraminer, Marsanne, Viognier, Muscat e altre. La nascita di rossi di alta caratura risale all'anno 1960 con il Grange Hermitage di Penfolds. L'Australia è diventata famosa anche con i suoi vini Shiraz, dal gusto pieno, dolce e speziato. In seguito furono vinificati vitigni rossi come Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Barbera, Grenache, Mourvèdre, Merlot, Zinfandel, Tempranillo, Pinot Noir e soprattutto Shiraz in purezza o tagliato con altri vini. Oggi un po' più della metà della superficie a vigneto è coltivata con varietà a bacca rossa. I moderni impianti di produzione hanno costituito la base della produzione di qualità.

Produttori

Produttori famosi sono Coldstream Hills, Glaetzer, Hardy, Hill Smith Estate, Katnook Estate, Lindemans, McWilliams, Mildara, Mitolo, Orlando, Penfolds, Peter Lehmann, Pewsey Vale, Rosemount Estate, Rothbury Estate, Rymill, Seppelt, Southcorp, Taltarni, Wolf Blass, Wynns e Yalumba.

Superficie vitata/quantitativi prodotti

Circa 150 000 ettari, circa 11 milioni di hl/anno.

Cartina geografica

Nuovo Galles del Sud

Storia

Il Nuovo Galles del Sud (New South Wales) è la zona vitivinicola più antica d'Australia. Qui, a Port Jackson, l'odierna Sidney, approdarono i primi detenuti, i quali piantarono immediatamente le viti che avevano portato con sé. Non ebbero però successo, in quanto il territorio intorno a Sidney è poco adatto alla viticoltura. La vicinanza del mare e il conseguente clima subtropicale facevano marcire l'uva. I migliori vigneti vennero piantati nel 1828 nella Hunter Valley, che si trova nell'interno, a nord di Sidney. Dagli anni Settanta del secolo scorso, la regione dispone di un'industria vitivinicola orientata alla qualità e in crescita. Dagli anni Novanta, la superficie a vigneto è stata costantemente ampliata.

Geografia & Clima

Le temperature molto calde richiedono quasi dappertutto un'irrigazione artificiale, mentre le abbondanti precipitazioni in autunno e la vicinanza del mare favoriscono la marcescenza. Per i vigneti piantati più recentemente sono stati cercati siti più freschi e in posizione maggiormente elevata, che offrono presupposti migliori per la produzione di vini di qualità.

Vini

A seconda del produttore, i vini Shiraz risultano aspri e robusti, oppure leggeri e speziati. Il Cabernet Sauvignon non è particolarmente significativo, ma nelle versioni migliori può avere un'eleganza simile a quello bordolese. I Sémillon sono vini classici e secchi che continuano a svilupparsi durante la conservazione in bottiglia, e costituiscono l'orgoglio della regione. Lo Chardonnay è predominante nella produzione dei bianchi, con vini burrosi e fruttati, dotati di pienezza e robustezza; se ne trovano begli esemplari soprattutto a Orange. Altri vitigni sono Pinot Noir, Gewürztraminer e Riesling.

Produttori

Il più grande gruppo vitivinicolo d'Australia, il Foster’s Wine Estate, possiede qui alcune grandi aziende, come la Lindemans e la Tulloch. Altri buoni produttori sono Tyrells, Rosemount, Lake's Folly, de Bortoli, Evans Family, Rothbury e Brokenwood.

Superficie vitata/quantitativi prodotti

Circa 35 000 ettari, 3,2 milioni di hl/anno

Australia Meridionale (South Australia)

Storia

Nell'anno 1838 furono piantate le prime vicini nei dintorni di Adelaide. Poco dopo furono creati vigneti nella Barossa Valley e nella Clare Valley. Come in altre regioni dell'Australia, anche nell'Australia Meridionale si produsse per molto tempo vino dolce rinforzato, di qualità modesta.

Geografia & Clima

Le condizioni climatiche e geografiche molto varie consentono di coltivare diversi vitigni. A Coonawarra, ad esempio, predominano i terreni calcarei, mentre nella Barossa Valley sono ricchi di scisto.

Vini

Diversi tipi di vino possono essere attribuiti a tre regioni: Cabernet Sauvignon a Coonawarra, Riesling alla Clare Valley e Shiraz alla Barossa Valley. Da alcuni anni nelle Adelaide Hills vengono vinificati i migliori vini con uve Sauvignon Blanc e Chardonnay. I Riesling secchi vengono molto bene nella Eden Valley. I vini Shiraz della Barossa Valley sono leggendari.

Produttori

d’Arenberg, Asthon Hills, Wolf Blass, Grant Burge, Chapel Hill, Grosse, Hardy’s, Henschke, Peter Lehmann, Lindemans, Charles Melton, Orlando, Penfolds, Petaluma, St Hallet, Wynns, Yalumba e Torbreck.

Superficie vitata/quantitativi prodotti

Circa 62 000 ettari, circa 5,2 milioni di hl/anno.

Victoria

Storia

Le prime vigne furono piantate nel 1838 nei dintorni di Melbourne. Nel giro di pochi decenni, lo stato di Victoria divenne la più grande regione vinicola del Paese. Dopo l'infestazione della filossera della vite, nel 1881 tutti i vigneti importanti erano stati quasi del tutto distrutti. Furono necessari 85 anni prima che le vigne fossero ripristinate.

Geografia & Clima

Nell'angolo sudorientale dell'Australia, le viti prosperano su terreni ricchi di sostanze nutritive. La vicinanza del mare porta sia vantaggi che svantaggi.

Vini

Nella regione della Yarra Valley si producono eleganti Chardonnay e raffinati Pinot Noir. Dai Pyrenees e dai dintorni della città di Great Western provengono eccezionali vini Shiraz e raffinatissimi Cabernet. Una specialità sono i dolci vini moscati vinificati a nordest di Rutherford.

Produttori

Nomi famosi sono Coldstream, Domain Chandon, Yarra Yering, Mitchelton, Dalwhinnie, Brown Brothers, Tahbilk, Morris e Mount Langi.

Superficie vitata/quantitativi prodotti

37 000 ettari, circa 1,6 milioni di hl/anno.

Australia Occidentale (Western Australia)

Storia

La colonizzazione dell'Australia Occidentale ebbe inizio nel 1829. La nave in arrivo, la Parmelia, era carica di viti da vino che vennero piantate nella terra dell'attuale Swan Valley subito dopo l'attracco.

Geografia & Clima

La Swan Valley ha un clima mediterraneo, con molta pioggia in inverno e lunghe estati asciutte. Nella regione del Mount Barker/Frankland River, invece, il clima è rigido, e gelo e grandine non sono rari.

Vini

I rossi meglio riusciti sono quelli del Margret River, corposi ed eleganti. Alcuni dei migliori vini Riesling d'Australia provengono da Great Southern. Altri vitigni rossi sono Shiraz, Pinot Noir, Zinfandel e Merlot. Fra i bianchi ricordiamo anche Sémillon, Sauvignon Blanc, Chardonnay, Chenin Blanc, Verdelho, Traminer, Muscat e Rhine Riesling.

Produttori

Nomi famosi sono Cape Mentelle, Cullens, Evans & Tate, Frankland Estate, Leeuwin Estate, Moss Wood, Plantagenet e Vasse Felix.

Superficie vitata/quantitativi prodotti

11 000 ettari, circa 370 000 hl/anno.

Queensland

Si è pensato a lungo che il Queensland, con il suo clima tropicale, non fosse particolarmente adatto alla viticoltura. Nelle zone più elevate, però, alcuni vignaioli trovarono un clima più fresco e terreni vulcanici. I pionieri piantarono vigne nella regione di Granite Belt fino a mille metri sopra il livello del mare. Vi si coltivano Cabernet Sauvignon e Shiraz per i rossi e Chardonnay e Viogier per i bianchi, che talvolta regalano vini sorprendentemente buoni.

Tasmania

Storia

L'isola, dopo il Nuovo Galles del Sud, è il secondo stato federale nel quale ebbe inizio la coltivazione della vite. Già nel 1823 furono piantati i primi vigneti, e la viticoltura si sviluppò gradualmente durante tutto il XIX secolo. Come in altri Stati dell'Australia, anche qui la viticoltura rischiò di morire nel 1890, e venne ripresa solo nel 1950 su scala ridotta. Nella regione di Pipers Brook sorsero le prime grandi aziende vitivinicole come Heemskerk e Pipers Brook Vineyards.

Geografia & Clima

La Tasmania ha un clima marittimo moderato. In primavera ed estate le temperature sono miti. In autunno, le giornate tiepide e le notti fredde fanno maturare lentamente l'uva, che può così sviluppare un aroma intenso. Anche sui tipici terreni rossi e ricchi di ferro la maturazione dell'uva è lenta. Qui la differenza fra le singole annate è maggiore che negli altri stati federali. La viticoltura si concentra soprattutto intorno alla città di Launceston nel nord (Northern Tasmania) e di Hobart nel sud (Southern Tasmania).

Vini

Si producono vini spumanti, secondo il metodo champenois. Sono in produzione anche Blanc de Blancs e Blanc de Noirs ottenuti con uve Chardonnay e Pinot Noir. I vini bianchi della Tasmania hanno una fama migliore dei rossi, ma vi sono begli esempi anche di vini Pinot Noir. Altri vitigni rossi sono Cabernet Sauvignon e Merlot. Lo Chardonnay risulta molto diverso a seconda del produttore. Altre varietà a bacca bianca sono Riesling, Sauvignon Blanc, Pinot Gris e Gewürztraminer.

Produttori

Nomi famosi sono Jollymont, Marion's Vineyard, Milford Vineyard, Moorilla Estate e Pipers Brook Vineyard.

Superficie vitata/quantitativi prodotti

900 ettari, circa 16 000 hl/anno.

Approfondimenti sull'Australia