Sottoscrizione Borgogna

Cari enoappassionati,

iniziamo dalla notizia più importante: in Borgogna la serie di ottime annate continua. Grazie a un'estate e un autunno molto caldi e soleggiati, il 2019 ha dato vita a un'altra eccezionale annata per i Borgogna.

Le scarse precipitazioni dell'inverno 18/19 hanno determinato una notevole riduzione delle falde acquifere e molte zone hanno sofferto di stress idrico. Nonostante le condizioni avverse, i vini hanno mantenuto un'acidità fresca e si distinguono per eleganza e armonia.

L’annata spicca per la bassa resa, l'intensità e una maturazione perfetta. I rossi sono concentrati e aromatici, con frutto succoso e tannini levigati. I bianchi, davvero eccellenti, sono intensi e armonici, con una meravigliosa soavità.

Per gli appassionati, i vini en primeur sono invece un’opportunità unica per acquistare la bottiglia preferita o per scoprire nuovi vini. L’ordinazione e il pagamento avvengono ora, mentre la consegna è prevista per l’autunno 2021. È proprio il caso di dire che il piacere sta nell'attesa!

I vini del 2019 sono pronti alla beva in tempi piuttosto brevi, ma dimostrano anche un'eccezionale longevità. Vi consigliamo di fare spazio in cantina per un paio di casse. Ai neofiti della Borgogna e agli intenditori curiosi suggeriamo inoltre la selezione Mondovino nouveau.

Buon divertimento nella scelta dei vostri vini preferiti.

Jan Schwarzenbach MW, Master of Wine

Scoprire i vini

Grande concorso

Partecipa subito al concorso vini 'en primeur' Borgogna 2019!

Mondovino Nouveau

Le denominazioni Hautes-Côtes de Nuits o Maranges non vi dicono niente? Siete in buona compagnia, poiché si tratta di comuni perlopiù sconosciuti.

Anche quest’anno siamo partiti per la Borgogna alla ricerca di tesori dell’annata 2019 con un ottimo rapporto qualità-prezzo e i nostri sforzi sono stati premiati. I vini, distinti dalla dicitura Mondovino nouveau, invitano a scoprire un mondo nuovo. Perché li abbiamo scovati?

I famosi crus della Borgogna sono tra i vini più richiesti al mondo. E la resa contenuta del 2019 incrementa ulteriormente i prezzi. Soddisfare la domanda internazionale in costante crescita è quasi impossibile e i migliori crus sono ancora più cari e difficili da reperire. Mondovino nouveau è pensato sia per gli appassionati più curiosi sia per i neofiti della Borgogna e permette di assaporare i vini meno noti della regione a prezzi ragionevoli.

Viticoltore Mondovino Noveau:

Domaine Guy & Yvan Dufouleur

"Cercate Yvan? Guardate un po' nel fermentatore". Ed effettivamente l'uomo corpulento a torso nudo immerso fino alle ginocchia nel mosto non era un cantiniere qualunque, ma lo stesso proprietario, che spalava le vinacce in un grande contenitore panciuto. I cantinieri, invece, lo guardavano in cerchio facendo qualche osservazione.

Dopo una doccia veloce, Yvan è tornato da noi in abiti puliti e ci ha accolti calorosamente con un grande sorriso e la vigorosa stretta di mano di un uomo che conosce bene il lavoro manuale. Si è fatto più serio solo quando ha dovuto parlare davanti alla telecamera, confessandoci di sentirsi ben più a suo agio nel vigneto che sotto i riflettori.

I Dufouleur sono viticoltori e rivenditori di vini, stabilitisi a Nuits-Saint-Georges nel 16° secolo. Yvan rappresenta la 16a generazione della famiglia, che poco dopo la Seconda Guerra Mondiale si è divisa in Dufouleur Frères e nell'azienda commerciale Dufouleur Père et Fils. Nel 2006 i Dufouleur si sono separati dalla ditta commerciale per concentrarsi esclusivamente sulla tenuta.

Il defunto padre di Yvan, Guy, apparteneva insieme al fratello Xavier alla generazione che dopo la Seconda Guerra Mondiale ha dovuto ricominciare daccapo. Ora Yvan sente la responsabilità di gestire il patrimonio lasciato dal padre e dallo zio e desidera espanderlo ulteriormente. Oggi la tenuta si estende su 30 ettari, metà dei quali nelle Hautes Côtes. L'altra metà si compone di Villages (tra i quali Pommard, Volnay, Savigny, Santenay) e di alcuni premiers crus (Fixin Clos du Chapitre, Nuits Clos les Perrières, les Creots, les Poulettes).

I Dufouleur hanno creduto nel potenziale delle Hautes Côtes fin dall'inizio e vi hanno investito già nel 1963, due anni dopo l'introduzione dell'etichetta AOC. Vini di terroir eccellenti come Dames Huguettes sono paragonabili da un punto di vista qualitativo ai Nuits Saint-Georges Villages. "L'unica cosa che ancora manca alle Hautes Côtes de Nuits è il prestigio. Specialmente all'estero sono quasi del tutto sconosciute", ci rivela Yvan. Non mancano tuttavia i risvolti positivi: gli enoappassionati trovano in queste zone Bourgogne eccellenti e raffinati, ma soprattutto dai prezzi ancora accessibili. Yvan ama le sfide. "Chiunque è in grado di ottenere grandi vini da terroir prestigiosi, ma nelle Hautes Côtes ci riesce solo chi cura ogni singolo dettaglio e lavora con dedizione sia nei vigneti che in cantina. È per questo che vado particolarmente fiero dei nostri vini delle Hautes Côtes de Nuits".

 

 

Domaine Bourgogne-Devaux


Se si cercano su internet tenute della Borgogna che portano il nome "Bourgogne", i risultati sono praticamente infiniti.  "Ecco perché abbiamo aggiunto il cognome di mia zia, Devaux, anche se il mio è effettivamente Bourgogne", ci rivela Luc sorridendo.

Luc di professione fa il banchiere, ma è la viticoltura la sua grande passione. Gli è stata tramandata dal nonno, che lo portava con sé nelle vigne e gli ha insegnato ad assaporare e apprezzare il vino. Il nonno ha poi lasciato la tenuta in eredità alle due figlie. Quando nel 2012 una porzione delle vigne di proprietà della zia è stata messa in vendita, Luc ha deciso di acquistare il suo primo ettaro nelle Hautes Côtes de Beaune, producendo 3000 bottiglie nella prima annata.

Oggi, insieme al fratello Fabrice, Luc coltiva un po' più di tre ettari di vigne per una produzione che non supera le 20'000 bottiglie, 4000 provenienti dalle viti della madre nel Pommard e il resto dalle Hautes Côtes de Beaune. Tuttavia, acquisire nuovi vigneti in Borgogna è estremamente difficile, perché di rado sono in vendita o i prezzi sono esorbitanti. È per questo che Luc ha un altro impiego, come pure il fratello Fabrice che lavora nelle vigne dell'Hospices de Beaune. Entrambi dedicano con devozione il proprio tempo libero alla tenuta, e anche per la cantina hanno voluto solo il meglio: anche i loro Hautes Côtes più convenienti sono vini di prima classe affinati in botti di rovere.

L'inizio è stato tutt'altro che semplice: un appezzamento di terra infatti non basta per mettere in piedi un'azienda vitivinicola. "La tenuta è un impegno a tempo pieno, ma non basta e dobbiamo avere anche un altro lavoro. La situazione sta lentamente migliorando, i nostri vini hanno successo e la domanda è superiore alla produzione. Naturalmente sogniamo di poter vivere delle nostre vigne prima o poi, ma al momento non è ancora possibile."  

La sottoscrizione Borgogna – un’esperienza unica

 

In Borgogna non si organizza la classica settimana «en primeur». L’evento più celebre è la cosiddetta asta dei vini negli Hospices de Beaune, la più grande asta enologica a scopo benefico.
Gli Hospices de Beaune si finanziano principalmente con i proventi dei loro vigneti, che sono il frutto dei lasciti da parte dei pazienti fin dai tempi della sua fondazione. Ogni anno, nel terzo weekend di novembre, si festeggiano le «Trois Glorieuses», le tre giornate gloriose. E in occasione di queste festività vengono messi all’asta i vini prodotti nei possedimenti della fondazione. I prezzi così battuti sono per il commercio enologico un indice di qualità di un’annata.
Prima di ogni asta si svolge una degustazione con esperti provenienti da tutto il mondo. In quell’occasione si discute e si procede alla valutazione dell’annata.
 

Come scegliamo i nostri vini «en primeur»?

A inizio gennaio, i nostri enoesperti viaggiano per una settimana in Borgogna per degustare l’ultima annata e procedere a una preselezione. A quel punto, i vini non sono ancora stati valutati dai rinomati critici enologici.
Dopo una degustazione alla cieca in un ambiente neutrale, i migliori vini vengono inseriti nel nostro assortimento. Già durante la degustazione, i produttori rendono noti i prezzi dei loro vini e li offrono in vendita.
Per permettervi di farvi un’idea della qualità dei vini, i nostri enoesperti redigono per ogni singolo vino un rapporto sulla qualità dell’annata in generale, corredato da ritratti dei viticoltori e da note di degustazione proprie.

 

Sottoscrizione Borgogna: i vantaggi per voi

  • Sarete i primi a ricevere rari vini di Borgogna «en primeur»
  • Degustazione e selezione da parte di esperti enologhi, Jan Schwarzenbach, Master of Wine
  • Selezione dei migliori vini in termini di qualità, potenzialità e prezzo
  • Grazie alla pluriennale esperienza in fatto di vini prodotti da viticoltori di prim’ordine, la maggior parte delle annate incrementa il proprio valore nel tempo
  • Esaurienti note di degustazione con consigli d’acquisto redatti dai nostri specialisti del vino
  • Consegna diretta dopo l’imbottigliamento
  • Raccolta di superpunti anche per ordinazioni in sottoscrizione
  • Acquisto sicuro grazie alla garanzia di soddisfazione Coop