Il prossimo Sottoscrizione Rodano si svolge in primavera 2018.

Cari enoappassionati,

I nomi Château Tour des Termes, Château Penin o Château Mangot vi dicono qualcosa? Se non ne ha mai sentito parlare è in buona compagnia, perché si tratta di aziende sconosciute. Per la quarta volta proponiamo in sottoscrizione meravigliosi Bordeaux tra i dodici e i trenta franchi. Le nostre perle contrassegnate come "Mondovino nouveau" sono davvero uniche e vi invitano a scoprire nuovi mondi enologici.

Quest’anno Rolf Bichsel e Barbara Schröder hanno scovato per voi queste incredibili novità. Rolf Bichsel, cittadino franco-svizzero, vive dal 1987 nella regione di Bordeaux e con il tempo si è fatto un nome nella scena vinicola francese, che conosce alla perfezione. Dal 1988 lavora per l’edizione francese della rivista enologica «Vinum». Barbara Schröder fa parte del team di «Vinum» dal 1997 e insieme a Rolf Bischsel guida la redazione francese. A causa dell’enorme richiesta di «Mondovino nouveau», Rolf e Barbara hanno scovato altri cinque appassionati viticoltori che offrono i loro prodotti in sottoscrizione. Fino a che saranno disponibili, naturalmente continueremo a proporre anche i vini creati dai viticoltori «nouveax» scoperti negli ultimi tre anni.

Purtroppo non ci riusciamo sempre, perché nel 2017 la regione del Bordeaux è stata colpita dalla peggiore gelata dal 1991. Molti viticoltori, soprattutto delle appellation più sconosciute tra cui Saint-Emilion e Pomerol, hanno perso fino al 90% del raccolto. Rolf Bichsel afferma: «il 2017 non è un’annata come tutte le altre». Il gelo primaverile ha provocato danni gravi in molte aziende, ciononostante i vini migliori sono davvero eccellenti.

Il 2017 ha dato vita a una serie di meravigliosi vini: equilibrati, dal tenore alcolico moderato, con un frutto decisamente concentrato e tannini maturi. Vale la pena fare spazio in cantina per un paio di casse. Per gli appassionati di Bordeaux alle prime armi e intenditori curiosi, inoltre, consigliamo i vini «Mondovino nouveau».

Buona degustazione.

Jan Schwarzenbach MW, Master of Wine

Rolf Bichsel sui viticoltori «nouveau»:

Il 2017 non è un’annata come tutte le altre. Il gelo primaverile ha provocato danni gravi in molte aziende, ciononostante i vini migliori sono davvero eccellenti.
 
Le annate vanno e vengono e di rado si assomigliano, meno che ma il 2017 che rifiuta qualunque tipo di paragone. Nell’aprile 2017 il gelo primaverile ha provocato danni gravi in molte aziende e a pagarne le conseguenze sono stati soprattutto i domaine più piccoli. Altre tenute invece ne sono uscite indenni come per miracolo, è il caso di quelle che abbiamo selezionato per voi. Moulis, Saint-Estèphe, Saint-Emilion, Graves o l’appellation Bordeaux Supérieur: ognuna di queste denominazioni vanta nelle sue cantine vini straordinari di grande bevibilità, squisita freschezza e incredibile raffinatezza. Spesso si tratta di un’accurata selezione dei migliori terroir di queste aziende, proposta a prezzi imbattibili.
 
Rolf Bichsel

Bordeaux nouveau

Château Penin      -       Château Haura    -      Château Tour des Termes      -      Château Mangot      -      Château Caroline

Cosa rende il Bordeaux in sottoscrizione così speciale?

Ogni anno ad aprile, nel Bordeaux si svolge la cosiddetta settimana «en primeur», un appuntamento che richiama in questa zona migliaia di acquisitori, giornalisti, critici enologici e anche privati, pronti a degustare eccellenti vini dell’ultima annata. La settimana «en primeur» nel Bordeaux è la più antica manifestazione nel suo genere a livello mondiale ed è anche la principale per dimensioni e notorietà.

Esperti enologi e acquisitori degustano, valutano e decidono quali vini vanno inseriti nell’assortimento. I critici enologhi e i redattori di riviste enologiche narrano agli amanti del vino di tutto il mondo le loro esperienze di degustazione.

Dopo la settimana «en primeur», gli Château rendono noti progressivamente i prezzi dei vini. In base alle loro esperienze di degustazione, i nostri acquisitori decidono quali bottiglie acquistare. Gli Château non vendono tuttavia direttamente a noi bensì a un «négociant». Coop acquista pertanto i vini tramite questi intermediari.

Nell’ambito di una sottoscrizione si fa anche una distinzione tra singoli Château. Se Robert Parker assegna 100 punti a uno Château, come è avvenuto al Pontet Canet del 2010, questo varrà di più alla consegna piuttosto che al momento dell’ordinazione en primeur, anche se l’annata 2010 è stata caratterizzata da un trend opposto.

 

La nostra selezione – i vostri vantaggi:

  • Degustazione e selezione da parte di esperti enologhi, Jan Schwarzenbach, Master of Wine
  • Selezione dei migliori vini in termini di qualità, potenzialità e prezzo
  • Grazie alla pluriennale esperienza in fatto di vini prodotti da viticoltori di prim’ordine, la maggior parte delle annate incrementa il proprio valore nel tempo
  • Un «négociant» ci vende la maggior parte delle annate a prezzi più convenienti che dopo l’imbottigliamento
  • Esaurienti note di degustazione con consigli d’acquisto redatti dai nostri specialisti del vino
  • Consegna diretta dopo l’imbottigliamento
  • Raccolta di superpunti anche per ordinazioni in sottoscrizione
  • Acquisto sicuro grazie alla garanzia di soddisfazione Coop

I vini «en primeur» dal Bordeaux vengono valutati dai più celebri esperti enologhi del mondo, quali Robert Parker, René Gabriel e Vinum. Punteggi elevati da parte di Robert Parker sono sinonimi di Bordeaux moderni, pieni e densi. Punteggi elevati da parte di René Gabriel sono sinonimi di vini classici con gradi di tannicità elevati.