Torna al profilo

Una scorta di vini per tutte le occasioni

È una bella sensazione sapere di avere sempre in casa alcune bottiglie di vino fra cui scegliere spontaneamente. Ma quale vino serve e quando è opportuno avere una scorta?

Possono arrivare degli amici all'improvviso oppure avete qualcosa da festeggiare o un'occasione speciale a cui brindare... Chi non vuole correre a comperare ogni volta una o due bottiglie di vino per questo genere di imprevisti, si premunisce con una piccola scorta di vini. Per essere ben equipaggiati in ogni occasione, è sufficiente una combinazione ideale. Se poi i vini prescelti si abbinano anche ai propri piatti preferiti, allora la scelta è già perfetta. Nella scelta e nell'acquisto di vini conviene anche lasciarsi guidare da sconti e promozioni speciali. Vi sono spesso delle buone possibilità per risparmiare con un tipo di vino per potersi permettere, in cambio, anche qualche bottiglia più costosa.

I fattori determinanti per l'acquisto sono il gusto personale, lo spazio disponibile e le sue caratteristiche, nonché le risorse finanziarie. Per la composizione dell'assortimento personale è utile partire inoltre dalle seguenti domande: quante bottiglie di vino bevete a casa in un anno? Quante sono le bottiglie di vino da tutti i giorni? Con che frequenza vi capita di avere ospiti a cui offrite vini "speciali" e maturi? Quante volte vi concedete il piacere di stappare una buona bottiglia per voi stessi? Vi capita di brindare ogni tanto con uno spumante o un vino dolce? Fermatevi un attimo, centellinate con calma un buon bicchiere del vostro vino preferito, riflettete su queste domande e scrivete le risposte.

Una prima scelta potrebbe essere la seguente: i vini bianchi si bevono perlopiù giovani e quindi ne bastano poche bottiglie. Per esempio degli Chasselas, Sauvignon o Albariño dall'acidità pronunciata, dei Chardonnay e Pinot Blanc ricchi di corpo o dei Gewürztraminer o Viognier aromatici. Aggiungete eventualmente alcune bottiglie di spumante, Riesling o vino bianco con affinamento in barrique. Poi alcuni rossi giovani, leggeri e fruttati, come il Beaujolais o del leggero Pinot Noir. Chi predilige i rossi più eleganti, scelga un Borgogna, del Chianti Riserva o un Brunello di Montalcino. Per completare l'opera si consigliano anche dei rossi pieni e vigorosi dal Nuovo Mondo, Rioja o Merlot. In genere per una buona scorta si prestano i Bordeaux con una forte componente tannica provenienti dal Medoc, ma vanno bene anche i vini della Côte-Rôtie, il Barolo e lo Shiraz australiano. La maggior parte dei vini da dessert può essere conservata a lungo.

I vini conservati in cantina o altrove vivono e si trasformano continuamente. Non sempre il vino che piace si trova al primo colpo. E può anche capitare che uno dei propri vini preferiti scompaia improvvisamente dall'assortimento appena dopo averlo trovato. E infine, anche i gusti possono cambiare! Cosa fare? Per orientarsi anche in futuro, può essere utile scrivere qualche nota su ogni vino, specificando il luogo di provenienza, il prezzo e perché vi è piaciuto. Per i vini in vendita a un prezzo particolarmente vantaggioso, ma che non si conoscono, vale la pena acquistare dapprima una bottiglia. I vini sconosciuti vanno assaggiati con calma a casa, magari con degli amici, prima di decidere se comprarne ancora o no.

Testo: John Wittwer