Torna al profilo

Grand Prix du Vin Suisse - sul lago Lemano è tempo di brindare

Una relazione sulle esperienze dall'enoesperto John Wittwer.

Galerie

 

All'edizione 2015 del Gran Premio del Vino Svizzero, il Domaine de la Ville de Morges (VD) si è aggiudicato il premio di Miglior cantina dell'anno.  Come altri 126 produttori, Marc Vicari, il direttore della tenuta, ha iscritto al concorso 5 vini. Il Les Guérites Rouge 2013 (assemblaggio di Gamaret e Garanoir con affinamento in barrique) e il Servagnin 2013 (Pinot Noir di Morges con affinamento in barrique) si sono aggiudicati l'oro, mentre La Grand’Rue 2014 (Chasselas Réserve), Les Guérites Blanc 2013 (assemblaggio di Doral, Chardonnay e Pinot Gris con affinamento in barrique) e il Gamay Réserve 2013, ovvero gli altri tre vini presentati, hanno ottenuto una medaglia d'argento l'uno. Il Domaine de la Ville de Morges ha conquistato un primato assoluto: è la prima cantina ad aver ottenuto un riconoscimento per ogni vino presentato in concorso. Vicari e il suo team hanno raggiunto un risultato eccezionale. La cantina ha già ricevuto diversi premi per i suoi vini, i vodesi si sono aggiudicati tra gli altri il Mondial du Chasselas di quest'anno. Ma il successo attuale è il risultato più alto mai raggiunto da Marc Vicari, che ne è fiero e a buon diritto: "Stento a crederci, anche se siamo ben consci delle nostre capacità e della qualità dei nostri vini. Siamo fieri dei risultati ottenuti perché rappresentano un riconoscimento unanime del nostro lavoro. Tutto il team ha avuto così una conferma inaspettata, ma pienamente meritata." In passato i vini di Morges venivano venduti soprattutto sfusi, ma la tendenza è cambiata e da qualche anno si punta in modo inequivocabile su prodotti di qualità. "Intendiamo continuare il cammino intrapreso e puntiamo a un continuo miglioramento. Perché pensiamo che la qualità superiore rappresenti la chiave del successo dei vini svizzeri", sottolinea Vicari che si compiace soprattutto della "pubblicità che questo riconoscimento porterà ai nostri vini, ma anche alla città di Morges e all'intera regione."

Ed è già pronto per la prossima sfida: il 19 novembre a Losanna con il suo Chasselas intende competere per l'ambito premio "Lauriers de Platine" di Terravin. Il dream team della tenuta oltre a Vicari conta il consulente enologo Fabio Penta e il capo vignaiolo Corentin Houillon. Il domaine è di proprietà del comune di Morges dal 1574, si estende per 15 ettari coltivati con 12 vitigni da cui si ottengono 13 vini diversi, di cui 6 in barrique. La produzione media annua si attesta intorno a 90'000 bottiglie di cui due terzi di vino bianco. Per approfondimenti potete consultare il sito domainedelaville.ch

Vini svizzeri eccelsi

Come ogni anno alcuni dei vini nominati e premiati sono disponibili anche da Coop. Il nostro assortimento esclusivo propone il Noir Divin del Domaine du Paradis in Satigny (GE), il Pinot Noir Tradition dello Château d’Auvernier (NE), il Neuchâtel Blanc dello Château d’Auvernier (NE), il Perroy Grand Cru Cuvée 48 della Cave Jolimont di Rolle (VD), il Grand Cru Féchy del Domaine de Fischer di Rolle (VD), il Grand Cru dello Château de Bursinel (VD) e una buona dozzina di altri nettari pregiati.

Il Gran Premio del Vino Svizzero è organizzato dalla rivista enologica Vinum e dall'associazione Vinea di Sierre.

E come maggiore rivenditore di vini svizzero, Coop sostiene questo evento sin dagli esordi come sponsor principale. Sylvia Berger, Coop Category Management Vini/Spumanti ci fornisce le motivazioni di un simile impegno: "Il Gran Premio applica le norme dei concorsi internazionali, supporta gli sforzi dei produttori nazionali e contribuisce alla promozione del vino svizzero. Pertanto è ovvio che ci sentiamo in dovere di fornire un nostro contributo personale. Coop assegna inoltre un premio speciale Prix Bio, come riconoscimento al lavoro in vigna e in cantina svolto secondo i principi della sostenibilità."    

Le aziende che si contendono il titolo devono presentare almeno cinque vini in tre categorie diverse. Fondamentale per aggiudicarsi il titolo di "Cantina dell'anno" è il rapporto tra i vini presentati e premiati (medaglie d'oro e d'argento), tra i primi e i vini nominati (i primi sei di ogni categoria) come pure tra i primi e i vini che si sono aggiudicati il podio (dal 1° al 3° posto). Di seguito le 12 categorie: Chasselas, altri vini bianchi monovitigno, Pinot Noir, altri vini rossi monovitigno, Merlot, assemblaggi rossi, assemblaggi bianchi, Gamay, Riesling-Sylvaner, vini con residuo zuccherino, vini spumanti e rosé. 279 vini sono stati premiati con la medaglia d’oro, di cui 117 nel Vallese, 57 nel Cantone Vaud e 29 in Ticino. Ma anche i vini dei Cantoni Argovia, Basilea Campagna, Berna, Friborgo, Ginevra, Neuchâtel, Zurigo, Grigioni, Sciaffusa e Turgovia si sono aggiudicati l'oro. A queste si aggiungono 677 medaglie d'argento, conferite a vini di tutta la Svizzera. In totale il 30 per cento dei vini presentati si è aggiudicato l'oro o l'argento.

Tre premi speciali

Il premio speciale Prix Bio di Coop è stato vinto da Yvan e Véronica Parmelin del Domaine de La Croix in Bursins (VD) per l'Affinité Rouge, un assemblaggio rosso.  Dal 2012 i Parmelin lavorano 13 ettari di vigneti, di cui 7,5 di proprietà, certificati bio. Degli altri dodici vincitori di categoria, l'assemblaggio Le Curieux Luins La Côte AOC della Cave de la Rose d’Or di Luins (VD) è stato proclamato migliore vino bianco, mentre l'assemblaggio Malcantone Rosso dei Ronchi 2012 Ticino DOC della Cantina Monti di Cademario ha ricevuto il Prix Vinissimo come miglior vino rosso. Per approfondimenti potete consultare il sito grandprixduvinsuisse.ch

 

texte: John Wittwer