Torna al profilo

La bottiglia di vino

Ogni bottiglia svolge due funzioni principali: protegge il vino e ne preserva il gusto.

Dal XVII secolo le bottiglie vengono realizzate in vetro, un materiale inerte e pertanto perfetto per assolvere la seconda funzione. Risulta maggiormente ostico invece soddisfare il primo requisito, ovvero la protezione del prodotto.

Il vino deve essere protetto dall'aria e dalla luce. Tappi adatti prevengono l'ossidazione (il contatto indesiderato con l'aria). In pratica i tappi di sughero si usano da quando si è iniziato a utilizzare la bottiglia. I moderni sistemi di chiusura come i tappi a corona o a vite danno tuttavia risultati migliori. Ma avremo modo di parlarne in un altro articolo.

Procedendo per ordine d'importanza, la protezione dalla luce è la seconda funzione svolta dalla bottiglia, poiché il vino è fotosensibile. I vini esposti a lungo alla luce sviluppano un sapore tipico, detto "gusto di luce". Nel peggiore dei casi, al naso presentano sentori di zolfo, uovo marcio, cipolla o cavolo bollito. Una buona bottiglia deve essere pertanto realizzata in vetro verde o blu, nella tonalità più scura possibile. Nel caso di bottiglie in vetro trasparente è bene adoperare la massima cautela e conservarle assolutamente al buio.

Nel corso dei secoli nelle diverse regioni vitivinicole si sono sviluppate forme di bottiglie molte diverse, poi affermatesi come standard.

La borgognotta o borgognona

Questa bottiglia panciuta è originaria della Borgogna, ma viene utilizzata anche nella Valle della Loira e del Rodano. In tutto il mondo i vitigni di queste zone vengono pertanto imbottigliate nella borgognotta: Pinot noir, Chardonnay, Gamay, Syrah, Grenache o anche Sauvignon blanc e Chenin blanc.

Pommard AOC L. Jadot 2014

Rosso rubino scarico, forte profumo di bacche, tipici sentori di fragole e lamponi maturi, delicate note barricate, succoso al primo sorso con una gradevole concentrazione di frutto e raffinatezza, aromi di bacche nere e prugne mature, di media pienezza con struttura pronunciata, buona lunghezz … Vai al prodotto
CHF 31.95
invece di CHF 39.95 75cl (10CL = 4.26)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
al carrello Aggiungi le bottiglie
6

disponibilità

La bordolese

La bottiglia con le «spalle» attualmente è forse la forma più diffusa. Viene utilizzata nella regione di Bordeaux ma anche a livello mondiale per le diverse varietà bordolesi: Cabernet sauvignon, Merlot, Sauvignon blanc o Sémillion.

Château Phélan Ségur Saint-Estèphe AOC 2014

Rosso porpora, aromi di tostatura di cioccolato fondente, toast e un po’ di caramello, inoltre un fruttato di bacche scure, al palato un nucleo fruttato molto denso, tanto estratto e un fruttato chiaro. Nel finale distinti aromi di tostatura e tannini robusti, tipici per l’appellazione. Vai al prodotto
CHF 34.00
invece di CHF 42.50 75cl (10CL = 4.53)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
al carrello Aggiungi le bottiglie
6

disponibilità

La champagnotta

Assomiglia nella forma alla borgognotta ma è realizzata in vetro più spesso e ha un fondo fortemente concavo. Questo perché deve resistere a una forte pressione (5-6 bar). Tutti i vini spumanti del mondo vengono imbottigliati in questa tipologia di bottiglia: dal Prosecco dell'Italia settentrionale fino al Cape classique del Sud Africa. I vini spumanti con fermentazione in bottiglia, che per anni riposano sui lieviti, devono poter essere stoccati in cataste per risparmiare spazio. La classica bottiglia da champagne ha una conformazione tale da consentire la realizzazione di cataste stabili da diecimila bottiglie.

Pommery Champagne brut

Perlage fine, bouquet intenso, moderati aromi di frutti maturi, sentori di frutta a granelli con note di lieviti, spuma abbondante al palato, delicato e piacevole, morbido e di media pienezza, piacevole vino da rinfresco. Vai al prodotto
CHF 30.35
invece di CHF 37.95 75cl (10CL = 4.05)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
al carrello Aggiungi le bottiglie
6

disponibilità

La bottiglia renana

Molti vini prodotti lungo il Reno e i suoi affluenti vengono imbottigliati in bottiglie alte e slanciate. Dal Bündner Herrschaft fino all'Alsazia e la Mosella. La renana viene utilizzata per vitigni come il Riesling, il Gewürztraminer o il Pinot blanc, ma anche per varietà austriache come il Grüner Veltliner della Wachau.

Rheingau Kiedricher Riesling QbA trocken Eva Fricke 2014


Vorzüglicher Ortsriesling aus dem Rheingau
enoesperto Peter Keller
Valutazione di esperti

Eccellente vino base prodotto nelle vigne di Kiedrich, caratterizzate da un terreno di löss, argilla e quarzite. Colore giallo tenue, bouquet di frutti maturi, con lievi note minerali, al palato secco, giovane, pulito, elegante, con un'acidità ben integrata, texture morbida, dal gusto pieno, be … Vai al prodotto
CHF 19.95
75cl (10CL = 2.66)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
al carrello Aggiungi le bottiglie
6

disponibilità

Bocksbeutel o pulcianella

La bocksbeutel dalla forma piatta e panciuta si è affermata in Franconia, una zona famosa soprattutto per i vivaci vini bianchi ottenuti dal vitigno Sylvaner. Oltre che nella regione vitivinicola sul Meno, la bocksbeutel viene utilizzata anche nel nord del Portogallo ad esempio per il «Mateus Rosé».

Mateus Trasos Montes Rosé

Bel rosso lampone brillante, invitante bouquet di bacche rosse, un po' di granatina, attacco in bocca fruttato e un po' dolce; forte sentore di bacche corpo e acidità gradevoli, da bere freddo. Bel vino estivo. Vai al prodotto
CHF 28.55
invece di CHF 35.70 75cl (10CL = 0.63)
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
Cartoni Aggiungi le bottiglie
1
6 Solo in cartoni è possibile spedire

disponibilità

Ancora un paio di riflessioni...

l'imbottigliamento in cantina è diventato la norma a livello mondiale. In alcune regioni vitivinicole è addirittura obbligatorio. Ciò comporta a livello globale il trasporto non solo di vino ma anche di un'immensa quantità di vetro.

Sulla mia scrivania al momento ci sono due bottiglie di vino. Una viene dal Cile e pesa ben 1100 g, l'altra dall'Italia meridionale e pesa ben 1850 g. Questa bottiglia speciale dalla linea elegante, vuota, pesa quindi oltre un chilo! L'altra, realizzata in vetro sottile, non raggiunge i 350 g. E ciò significa un risparmio del 70% non solo in termini di materiale e consumi energetici, ma anche un'enorme riduzione delle emissioni di CO2 durante il trasporto.

A prova di contraffazione

A livello mondiale oggi si utilizzano poche tipologie di bottiglie e colori di vetro, per questo non è più possibile distinguere i vini dalle bottiglie. Per evitare le contraffazioni e creare un'alta riconoscibilità, molte tenute (o regioni vitivinicole) utilizzano forme di bottiglia particolari e inconfondibili, oppure imprimono nel vetro una scritta o un sigillo. Un esempio classico in questo senso è dato dalle bottiglie di Châteauneuf-du-Pape o di Tokaji.