Torna alla panoramica

Insalate

L'insalata viene gustata in numerose variazioni, la gamma è immensa. Può essere servita come antipasto, contorno o pietanza principale.

L'insalata verde, del resto, si distingue nettamente da un'insalata di salsiccia e formaggio in quanto a sapore, peso, aroma e consistenza. Anche in quest'ambito i vini da abbinare sono i più diversi, in base all'insalata e naturalmente anche in base al condimento, che proprio nell'insalata in genere riveste un ruolo principale.

Per quanto riguarda l'abbinamento al vino, i condimenti si suddividono in difficili e più semplici. Tutti i condimenti con uova o tanta acidità sono difficili da abbinare, quindi con tanto aceto, crème fraîche, yogurt, maionese o succo di limone. Con questi condimenti è meglio non bere vino. Al contrario, i condimenti con un'acidità ridotta si abbinano meglio ai vini. Sono perlopiù a base di olio, ma al posto dell'aceto contengono solo un po' di aceto balsamico dolciastro, salsa di soia, sesamo, erbe aromatiche e altri ingredienti principali aromatici.

Insalate a foglia dal sapore neutro

L'insalata verde ha un aroma caratteristico fine e delicato che viene immediatamente dominato dal vino.  I condimenti standard per l'insalata verde contengono inoltre quasi sempre aceto e spesso maionese o yogurt. Per questo motivo l'insalata verde viene gustata di preferenza senza vino. Lo stesso vale anche per la cicoria, l'indivia, il radicchio e le altre insalate amare, perché le componenti amare non armonizzano con il vino.

Le insalate di verdure quali insalata di carote, di rape rosse, di mais, di finocchi o cavoli rapa sono invece più facili da abbinare perché il sapore caratteristico delle verdure è più forte di quello dell'insalata verde. D'altra parte anche in questi casi occorre fare attenzione al condimento.  Se il condimento si abbina bene al vino, spesso è indicato un vino leggero e secco come un Pinot Grigio, un Riesling Sylvaner, un Verdejo o uno Chardonnay leggero. In alternativa con l'insalata si può sorseggiare anche il vino dell'aperitivo.

Esempi di insalate dal sapore neutro: insalata di finocchi, insalata di carote

Gli enoconsigli dei nostri esperti

Tutti i vini da abbinare

Insalate condite

Le insalate condite sono insalate sostanziose che vengono servite con la salsa incorporata. Tra queste rientrano l'insalata di patate, la coleslaw (insalata americana di cavolo cappuccio), la Caesar salad, l'insalata di lenticchie o cetrioli. Queste insalate sono più semplici da abbinare al vino rispetto alle insalate verdi o di verdure, perché spesso sono più saporite e presentano aromi più complessi. Anche in questi casi occorre del resto prestare particolare attenzione al condimento. Se il condimento si abbina bene al vino, queste insalate sono indicate come antipasto e sono squisite accompagnate da spumante, rosé corposi o vini bianchi di medio corpo.

Esempi di insalate condite: insalata di cetrioli, Caesar salad

Gli enoconsigli dei nostri esperti

Tutti i vini da abbinare

Insalate esotiche dolciastre (insalata di papaia, insalata di riso)

Le insalate esotiche, quali l'insalata di papaia tailandese o l'insalata di riso al curry, si contraddistinguono per i condimenti dolciastri o piccanti e sono spesso anche molto speziate. Queste insalate non sono semplici da abbinare al vino perché gli ingredienti piccanti e le troppe spezie sovrastano il sapore di molti vini. Anche in questi casi occorre quindi fare attenzione al condimento. Se si desidera preparare un'insalata di frutta, allora è meglio scegliere frutta dolce come la papaia o il melone. La frutta acida come arance o mele spesso non armonizza bene con i vini secchi.  Se il condimento si abbina bene al vino, queste insalate sono indicate come antipasto e sono squisite accompagnate da spumanti eleganti, rosé leggeri o vini bianchi fruttati.

Esempi di insalate esotiche: insalata di riso al curry, insalata di papaia tailandese

Gli enoconsigli dei nostri esperti

Tutti i vini da abbinare

Insalata con frutti di mare

Nelle insalata con molluschi e gamberetti si percepisce spesso una nota dolciastra. L'insalata viene condita perlopiù con succo di limone, olio d'oliva e a seconda delle necessità con erbe aromatiche. Se il succo di limone viene dosato con accortezza, vi sono numerosi vini bianchi secchi e freschi da abbinare.

Esempi di insalate con frutti di mare: insalata con frutti di mare con erbe aromatiche, insalata rustica con frutti di mare

Gli enoconsigli dei nostri esperti

Tutti i vini da abbinare

Insalate rustiche/cucina casalinga

Per insalate rustiche si intendono insalata di bollito, insalata con salsiccia e formaggio e altre insalate sostanziose che vengono consumate perlopiù come portata principale. Queste insalate, consumate spesso anche tiepide, richiedono un vino vigoroso. E proprio perché queste insalate hanno ingredienti saporiti e presentano aromi più complessi, si abbinano bene con i vini. Anche in questi casi occorre del resto prestare particolare attenzione al condimento. Se il condimento si abbina bene al vino, queste insalate sono squisite se accompagnate da vini bianchi affinati in barrique, vini rossi vigorosi e spumanti maturati e prodotti secondo il metodo tradizionale.

Esempi di insalate rustiche: insalata con salsiccia e formaggio, insalata di pasta con verdure e formaggio

Gli enoconsigli dei nostri esperti

Tutti i vini da abbinare