Torna alla panoramica

Carne

Lo sanno tutti: le carni rosse vanno abbinate ai vini rossi, mentre quelle bianche ai vini bianchi. Ma questa regola d'oro spesso non vale, perché a determinare la scelta del vino oltre alla carne è il tipo di preparazione prescelto.

Ogni vino cambia a seconda della ricetta a cui viene abbinato e anche alla percezione della persona che lo assaggia. Il gusto e le preferenze personali hanno un ruolo determinante sulla percezione di un vino. Qui vi forniamo una piccolo vademecum, correlato di abbinamenti enologici, con cui non si può sbagliare.

Pollame

In linea di massima il pollame si suddivide in chiaro e scuro. Il pollame chiaro comprende il ben noto pollo, il galletto, il pollastrello e il tacchino, mentre quello scuro è costituito da anatra, oca, piccione e faraona.

Esempi

Vitello

La carne di vitello di prima qualità ha una consistenza solida ed è solo leggermente marmorizzata. È piuttosto magra e, come molti tipi di carne, non ha un gusto intrinseco marcato. Dato che la carne di vitello è tenera e pregiata, è indicata per pietanze delicate.

Esempi

Maiale

La carne di maiale di prima qualità è di consistenza soda, corposa e leggermente marmorizzata. Ha un grasso granuloso e asciutto e come molti tipi di carne non ha un gusto proprio univoco.

Esempi

Manzo

La carne di manzo è estremamente varia, spazia da tagli molto teneri e carnosi quali filetto, entrecôte o scamone a tagli meno teneri come coscia, petto e spalla. Non tutti i tagli sono idonei allo stesso tipo di preparazione.

Esempi

Agnello

L'agnello è molto apprezzato specialmente dai gourmet e già prima della cottura presenta un sapore unico, più intenso della maggior parte degli altri tipi di carne. I migliori tagli hanno il pregio di essere molto magri, aromatici e teneri.

Esempi

Selvaggina

La selvaggina è estremamente apprezzata in autunno. Già da cruda la carne ha un sapore caratteristico più intenso rispetto alla maggior parte degli altri tipi di carne.

Esempi